MATELDA CAMMINA LIEVE SULL’ACQUA

Miraggi Edizioni

Iscritto a

Un libro per il Cinema edizione 2019
sezione Editi

Al Festival

5 ottobre 2019

Biblioteca “Afra Ciscato” di Cartoceto (PU)

TRAMA

Matelda, nel giorno del suo ottantaquattresimo compleanno, mentre prepara la cena per festeggiare con la sua famiglia, ripercorre a flash back le fasi più importanti della sua vita, attraversando quasi tutto il secolo e le sue trasformazioni sociali e culturali. I personaggi della sua esistenza entrano in scena rivelandosi con una telefonata di auguri, la prima è della figlia Vittoria, poi di Federico e per ultima la chiama Giulia.
Già dalle prime battute si capisce che suo marito Giuseppe è morto da poco ma i ricordi iniziano con lui e lei giovanissimi che si incontrano e si innamorano nella libreria della signora Tina.
Matelda, nata in una famiglia di umili origini, è una promessa del nuoto italiano negli anni ’40 come atleta della Società Romana di Nuoto dal 1889, la scuola più antica di Roma che si trovava e si trova ancora oggi su un barcone sul Tevere di fronte l’Ara Pacis; è una delle prime donne ad intraprendere quel tipo di sport ma sarà costretta a veder svanire il sogno di diventare una campionessa e di portare a termine gli studi poiché rimarrà in stato interessante della sua prima figlia appena ventenne, anche se continuerà a nuotare tutta la vita e a coltivare il rapporto di complicità che l’acqua, quasi come un liquido amniotico, le regala.