LA LUNA CHE MI SEGUIVA

Tea Libra


21 luglio 2017 ore 19,00 – Spazio Q8 dell’Isola di Roma

“Spesso ci facciamo distrarre da tante cose frivole che ci danno magari una soddisfazione momentanea. Così, ciechi ai vari modi in cui la vita tenta di comunicare con noi, diventiamo anche sordi alla voce interiore che contiene il seme del destino. Ma quella voce rimane attenta a eventi che non riesce a spiegare con la ragione. Ed è lì, su quel confine, che certi messaggi, sia come guida sia come avvertimento, cercano di rivelarsi. A volte ci riescono, attraverso i simboli dei sogni, che vengono da una regione senza tempo. Anzi, dove spazio e tempo si confondono.”

TRAMA

Nata e cresciuta in un piccolo villaggio della Guinea, Aminata Fofana ha riversato in questo romanzo i ricordi della sua infanzia, profondamente influenzata dalla maestosa presenza della natura e dalla figura del nonno moriké, sciamano di magia bianca della tribù.
Accompagnati dalla protagonista, la giovane Saduwa, possiamo così entrare in un mondo di straordinaria suggestione, pieno di incanti e di terrori e in cui la forza reale della magia si unisce a un immenso rispetto per la sacralità di ogni aspetto della vita.
Saduwa è uno piccolo grande spirito libero che, aiutata dal nonno sciamano molto amato, finisce suo malgrado per andare contro ogni tradizione, per ritrovarsi tra le mani, lei, femmina in una realtà di privilegi maschili, il destino della sua intera tribù.